GLI AUTORI
Giuseppe Garro
Antropologo
Si laurea in Scienze Antropologiche e Storia delle Religioni all’Università Alma Mater Studiorum di Bologna e consegue la magistrale in Antropologia ed Etnologia Culturale presso l’Università degli Studi di Torino. Partecipa come relatore a diversi convegni e workshop dedicati ai beni culturali del territorio siciliano. È autore di diversi saggi e libri di genere scientifico e divulgativo. È responsabile del progetto di valorizzazione e fruizione dedicato al Museo di Palazzo Carfì e della Rete Ecomuseale Valle dell’Anapo. È fondatore e Presidente del Centro Studio Ibleo e Responsabile scientifico dell’Ecomuseo Valle dell’Anapo.
Santino Alessandro Cugno
Archeologo
Laureato con lode in Archeologia all’Università di Pisa, consegue un Master in Tutela, Valorizzazione e Promozione dei Beni culturali e Paesaggistici all’Università di Catania e due diplomi post laurea in Museologia (Scuola Normale Superiore di Pisa) e in Archeologia Tardoantica e Medievale (Scuola di Specializzazione di Firenze). È cultore in Archeologia Classica all’Università Kore di Enna ed è membro del Comitato Giovani della Commissione nazionale italiana per l’UNESCO. Partecipa a numerosi convegni nazionali e internazionali ed è autore di una monografia sui siti archeologici rurali di Canicattini Bagni e del territorio acrense (B.A.R. International Series, Oxford 2016). Scrive saggi di carattere scientifico e divulgativo su riviste online  specialistiche.
Ilenia Gradante
PhD in Storia Antica
Specializzata presso il Pontificio Istituto di Archeologia Cristiana, è collaboratrice scientifica dell’Istituto Romano della Società di Görres, presso lo Stato della Città del Vaticano. La sua attività scientifica verte principalmente su tematiche di Epigrafia classica e cristiana e sulla topografia cimiteriale cristiana; ha curato inoltre numerose traduzioni scientifiche dalla lingua tedesca.
ARTISTI, CURATORI, CRITICI
Natalia Saurin
artista
Fotografa e videoartista, nata a Buenos Aires, si laurea in Architettura al Politecnico di Milano, vive e lavora a Milano. La sua ricerca è volta a rilevare come mito e quotidianità siano connessi tra di loro, questo attraverso l’uso di simbologie, leggende ed esperienze quotidiane. Da sempre attratta dalle iconografie classiche e religiose negli ultimi anni ha dedicato la sua ricerca al rapporto corpo cibo e sacro. Dal 2000 ha esposto in numerose mostre in Italia e all’estero. Nel 2010 vince il primo premio al Renaissance Arts Prize, nella categoria videoarte a Londra. Partecipa a varie residenze d’artista, fra queste nel 2011 viene invitata, a Cassis (Francia) presso la Fondazione Americana Camargo, a realizzare il progetto "Les trois M” che la porterà a ripercorrere le tracce delle tre Marie. Nel 2014 viene invitata a Catania per il progetto “My little house”. E' rappresentata dalla distributrice di video arte Visualcontainer , i suoi video sono stati proiettati in festival quali Videa, Visionaria, Fiaticorti, Giffoni e Optica (Spagna, Argentina, Bolivia, Francia).